IMPOSTE E ALTRE SPESE


Imposte dovute per acquisizione

I - Tassa di trasferimento (IMT)
Dal gennaio 2004, l'imposta di trasferimento è nota come IMT ("Imposta comunale sui pagamenti trasferibili") ed è calcolata al maggiore tra i due valori imponibili (valore patrimoniale dell'immobile - accertamento fiscale o prezzo di acquisto, a seconda di quale sia il maggiore) massimo):

  • Residenziale (case e appartamenti) 0% - 7,5%;
  • Proprietà rustica (terreno agricolo) 5%;
  • Urbano, terreno per costruzione o commercio 6,5%.

Quando una proprietà urbana viene acquistata per abitazioni proprie e permanenti, l'IMT è inferiore rispetto alle abitazioni secondarie e se l'acquisizione o VPT è inferiore a 115.508,75 €, questa imposta è esente.

II - Tassa di bollo: 0,8% sul prezzo di acquisizione.

Queste tasse sono pagate prima di firmare l'atto.


Altre Spese

Rappresentanza fiscale
Le società in genere applicano una commissione iniziale di circa € 250 e una commissione annuale di circa € 250 per i servizi sopra descritti.

Tassa di registrazione della proprietà
Dovrai registrare l'acquisto presso l'Ufficio del catasto dell'area in cui si trova la proprietà e presso l'ufficio delle imposte. I costi principali sono i seguenti:

  • Registrazione dell'acquisto € 250;
  • Registrazione dei mutui € 250;
  • Extra +/- € 100.

Spese notarili
Quando la professione notarile è stata privatizzata, le spese notarili sono cambiate sostanzialmente e ora dipendono dall'ufficio in cui è firmato l'atto. L'atto pubblico di acquisto e vendita deve essere preparato, firmato da entrambe le parti di fronte a un notaio e presentato al Registro fondiario, con copie per le parti interessate.

IMI - Commissioni di proprietà annuali
L'IMI è un'imposta annuale su una proprietà stipulata da ciascun comune, ma entro l'intervallo definito dalla legge, che quest'anno è dallo 0,3% allo 0,45% per gli edifici urbani e 0,8% per edifici rustici . Per quanto riguarda gli edifici urbani, la tassa viene stabilita annualmente dal Consiglio comunale dell'area in cui si trova la proprietà.

Il calcolo dell'IMI si basa sul valore del patrimonio netto fiscale degli immobili il 31 dicembre di ogni anno ed è dovuto alla fine di aprile dell'anno successivo. Se l'importo supera € 250,00, può essere versato in due rate, la prima a fine aprile e la seconda a fine novembre, l'anno successivo a quello in cui si applica l'imposta.

Quando un immobile urbano viene acquistato per un alloggio proprio permanente, il suo proprietario può beneficiare di un'esenzione dal pagamento dell'IMI per un periodo di 3 anni, se il bene acquisito ha un valore patrimoniale fiscale che non supera il valore di € 125.000,00 e il proprietario, nell'esercizio precedente, non aveva un reddito imponibile, a fini IRS, superiore a 153.300,00 €.

CONTI DI APERTURA IN PORTOGALLO
Tutte le banche portoghesi fanno parte di un gruppo nazionale di banche chiamato Multibanco. Ciò rende gli account facilmente accessibili e i titolari di account possono utilizzare una carta di debito presso gli sportelli automatici in tutto il paese e acquistare la maggior parte delle merci.

I cittadini di paesi terzi hanno bisogno di quanto segue per aprire un conto bancario in Portogallo:

  • Un passaporto;
  • Prova dell'indirizzo nel paese di origine;
  • Carta del contribuente e prova del rapporto di lavoro;
  • Rappresentante fiscale.

Dove siamo

  • Rua João Tavira, 55
    9000-075 Funchal
  • (+351) 291 759 177
  • (+351) 912 349 650
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2019 - PINK REAL ESTATE - AMI: 7285

DEVELOPED BY NAVEGA BEM  |  PROPPY CRM